Donostia-San Sebastián

Pubblicato il Pubblicato in Road Trip

1ª Tappa Donostia-San Sebastián: giorno uno

Siamo arrivati a San Sebastián intorno alle 18 e, lungo il tragitto, abbiamo deciso di prenotare una Pensión in pieno centro. Non è stato comodo per la macchina, ma una volta parcheggiata non ci abbiamo più pensato per i due giorni passati qui.

La prima impressione è stata davvero positiva; le strade erano affollatissime e noi cercavamo di interpretare i suggerimenti che la ragazza della reception ci aveva appuntato sulla mappa. Ad ogni modo, ci nota un ragazzo, si avvicina e ci chiede se poteva darci qualche consiglio su come usa cenare in questo luogo. Ci spiega che, un modo divertente per socializzare è quello di andare per Pintxos o Pinchos di bar in bar. In quel momento eravamo ancora più confusi, ma una volta arrivati nella Città Vecchia, tutto si fa più chiaro.

Si tratta di banconi imbanditi di stuzzichini di ogni genere, si può prendere di tutto, ma io vi consiglio di prenderne 3/4 per bar accompagnati da un bel bicchiere di sangria.

1ª Tappa Donostia-San Sebastián: giorno due

Dopo una bella colazione con cornetto alla nutella e cafè con leche (lo specifico perché io adoro il cappuccino e, nonostante lo facciano, non è quello che siamo abituati a bere; quello che si avvicina di più è il caffè latte 🙂 ) vista cattedrale neogotica, iniziamo la visita della ciudad.

La cosa che non passa inosservata in questa città è che tutto è frizzante; le persone sono allegre, si divertono, sono socievoli. In questa giornata di pioggia tutto mi ha messo di bun umore.

Una delle zone più caratteristiche di San Sebastián è il Paseo de la Concha, un bellissimo golfo a forma di conchiglia dal quale si possono ammirare gli artisti della spiaggia. Ne abbiamo incontrato uno all’opera

Da qui non potete non notare i due strampalati Don Quijote e Sancho Panza intenti nella loro passeggiata. Sono particolarmente affezionata a loro poiché sono stati oggetto della mia tesi di laurea e, leggere le loro storie, è tutta una risata!

 

Proseguendo incontrerete l’imponente Ayuntamiento; ho dovuto fotografarlo con il fish eye per poterlo prendere tutto

 

Passeggiando lungo la famosa Calle 31 de Agosto, una delle vie più frequentate, ci troviamo in una zona ricca di attrattive tutte da scoprire. Famosa perché? Perché è l’unica sopravvissuta all’incendio del 1813. Questa calle è situata in mezzo a due chiese: la Iglesias de San Vicente e la Basilica de Santa Maria del Coro.

 

Passeggiando per le vie della città vecchia siamo poi sfociati sul Paseo de Salamanca che si affaccia sulla spiaggia Zurriola, il paradiso dei surfisti. Noi non siamo andati, ma vi consiglio di andare sul Monte Ulia, da lì potete ammirare uno spettacolo a dir poco favoloso.

Continuando lungo il paseo siamo arrivati al Ponte di Maria Cristina, un elegantissimo ponte ispirato a quello parigino.