Nazaré: il paradiso dei surfisti

Pubblicato il Pubblicato in Road Trip

Che dire? Semplicemente favolosa!

Siamo arrivati la sera tardi e su booking.com abbiamo trovato un appartamento delizioso con un’offerta last minute.

Non era in programma la fermata, ma eravamo stanchi e volevamo fare una sosta.

Appena arrivati, a parte la tranquillità intorno a noi, non abbiamo notato molto, anche perchè era buio, eravamo stanchi e affamati e faceva anche un po’ freddino, siamo praticamente volati a letto.

La mattina però, uno spettacolo davanti a noi…

Questa terrazza magnifica era del nostro appartamento “Home Sweet Praia“,

Tutto sembra immobile e la quiete si percepisce anche da questo scatto, una fermata casuale ha comportato la scoperta di questa perla del Portogallo.

Siamo scesi a fare una passeggiata lungo mare e l’aria che si respira è di totale pace, l’aria fresca del mare unita alla gentilezza degli abitanti, tutti sono allegri e la frenesia della città e della vita quotidiana sembra un lontano ricordo.

Prima di ripartire abbiamo visitato il “Farol di Nazaré”, fermata d’obbligo vista la popolarità di questo luogo nel mondo dei surfisti.

Un faro che fa da platea a numerosi spettatori durante quei periodi dell’anno in cui si formano onde gigantesche, spettacoli della natura.

Dunque a fare da palcoscenico ai surfisti sono onde di quasi 30 m che si formano in questo particolare punto grazie a ragioni geologiche spiegate all’ingresso del faro. Si tratta della fine di un canyon sottomarino in cui, in base ai venti, soprattutto invernali, si creano queste fenomenali e gigantesche onde.

Proprio a gennaio di quest’anno ho visto al telegiornale che un famoso surfista portoghese ha cavalcato quasi 35 m di onda.

Avrei proprio voluto vederla.

Ripartiamo ora in direzione Obidos, fermata suggerita dalla proprietaria del nostro appartamento.