Porto: la città degli azulejos

Pubblicato il Pubblicato in Road Trip

In una parola, la definirei affascinante. Abbiamo girato Porto tutta, o quasi, a piedi e, l’itinerario intrapreso è stato estrapolato dalla guida lonely planet sul Portogallo, ma comunque con qualche piccola variazione… Infatti, la prima tappa è stata la visita alla Igreja dos Carmelitas e alla Igreja do Carmo, due chiese vicinissime l’una all’altra separate da una piccolissima casa che si trova fra loro. Abbiamo ammirato maggiormente la seconda. La facciata laterale è interamente coperta da azulejos e, al suo interno, vi è un bellissimo esempio di intarsiatura dorata.


Scendendo per la Rua Das Carmelitas indirizzati verso la seconda chiesa da visitare, ci siamo casualmente imbattuti nella Livraria Lello, una maestosa libreria neogotica che ho scoperto successivamente essere stata di ispirazione al famosissimo libro di J.K. Rowling Harry Potter. L’ingresso costa 3 euro, ma l’importo viene rimborsato con l’acquisto di un libro!

Quasi dimenticavo, Porto, è una città che si gira benissimo a piedi, ma potrebbe risultare stancante la composizione delle strade… Sono lunghissime vie composte da salite e discese. Dalla Libreria scendiamo in direzione Igreja dos Clerigos, ma per arrivarci un buon tratto si trasforma in salita. Questa chiesa barocca rappresenta uno dei simboli della città di Porto. Ha una Torre alta circa 76 m e vi si può accedere salendo ben 225 scalini. Ovviamente è super consigliato salirci poichè vi proietterà un panorama mozzafiato.

Alla base della discesa con la chiesa alle spalle, vi troverete davanti la stazione ferroviaria Sao Bento, ma sulla vostra sinistra non potrete non notare la bellissima facciata barocca della Igreja dos Congregados, la cui parte superiore è cosparsa di azulejos.
Eccoci dunque davanti all’entrata della stazione. Gente a frotte che entra per fare foto ad ogni parete che circonda l’elegantissimo atrio. Le 20000 piastrelle blu raffigurano scene di storiche battaglie.

Ci immettiamo ora su Rua das Flores, una carinissima via pedonale con negozi e caffè. Quasi al finale, lungo i palazzi, vedrete la bellissima chiesa barocca: Igreja da Misericordia. Essendo poco lo spazio e molto alta la chiesa è stato difficile fotografarla. Questa Rua è particolarmente importante e interessante perché era la preferita dei nobili; infatti vi fecero costruire abitazioni lussuose.

Poco distante si trova la Igreja de Sao Francisco, un imponente chiesa gotica il cui interno dicesi meraviglioso, ma purtroppo a pagamento…


Da qui, stanchi e affamati, siamo scesi sul lungofiume dove abbiamo sorseggiato una birra fresca e ammirato le particolarissime abitazioni color pastello della Ribeira.
Ribeira è stata dichiarata dall’UNESCO patrimonio dell’umanità ed è, infatti uno dei quartieri più caratteristici di Porto.

“Bom Proveito!”