Siviglia in due giorni

Pubblicato il Pubblicato in Spagna

Sevilla, mi sono innamorata di te!

Preparatevi perchè questo articolo sarà una pioggia di foto!

Abbiamo trascorso due giorni a Siviglia e, per visitare la città per noi sono stati sufficienti, ma il bello di questo posto è che è talmente travolgente che il primo pensiero che ho avuto è “vorrei vivere in questa città”.

GIORNO 1:

Avevamo un appartamento in centro per cui appena siamo arrivati ci siamo subito buttati in Avenida de la Constitución, la strada principale di Siviglia. Osservate gli edifici, sono un classico esempio di architettura Mudéjar, una tecnica musulmana che va a modificare gli edifici cristiani. Ritroviamo ancora una volta ornamenti arabeggianti, archi a ferro di cavallo e campanili a forma di minareti e il primo esempio è proprio il primo edificio all’inizio della Avenida, Edificio de la Adriática. Porta questo nome poichè fu progettato per la omonima compagnia di assicurazioni.

Ogni volta che scrivo un articolo cerco di documentarmi su tutto ciò che personalmente ho ritenuto interessante durante il viaggio, e non faccio altro che imparare cose e termini nuovi. Di architettura non ne so molto, ma quando vedo un bell’edificio tendo sempre a cercare lo stile e la storia, come in questo caso, e ciò mi porta sempre a scoprire queste parole mai sentite prima. Come si suol dire “viaggiare amplia la mente!”.

CATTEDRALE DI SIVIGLIA E GIRALDA

Fatti pochi metri, con un buon caffè caldo in mano, ci ritroviamo lungo la Cattedrale, la cui facciata ospita qualche pappagallino verde, e proseguendo, ai piedi  dell’imponente Giralda che è il simbolo della città di Siviglia. La cattedrale più grande al mondo per volume è proprio questa. Pensate che prima della Reconquista, al suo posto si ergeva una moschea che venne poi demolita per lasciare spazio alla cattedrale. A sopravvivere fu il minareto che venne trasformato nell’attuale campanile, la Giralda. È possibile salire 70 mt di torre campanaria tramite 34 rampe, non scalini, e questo perchè un tempo i muezzin vi salivano con i cavalli.

TORRE “DEL ORO”

Si trova sulla riva del fiume Guadalquivir e fu costruita come torre di avvistamento per controllare e bloccare gli accessi alla città dal fiume.

Non è molto chiaro il motivo per il quale la torre è stata chiamata così, ci sono varie teorie, ma è abbastanza ovvio che sia per il colore che prende al tramonto. Siamo arrivati proprio mentre il sole iniziava ad essere basso e sembrava di avere davanti un gigantesco lingotto fatto a forma di dodecagono. Meraviglioso!

Oggi la torre ospita un piccolo museo marittimo dove sono riportati tutti i reperti della storia navale di Siviglia.

PLAZA DE ESPAÑA

Ne rimarrete incantati…

Sede di numerosi film, Piazza di Spagna è senza dubbio la più bella che io abbia mai visto. Tutto è affascinante, è un trionfo di ceramiche colorate e canaletti.

Vedrete una grande piazza a forma semicircolare con una grande fontana al centro e carrozze con cavalli pronte a farvi fare un giro della città.

 

GIORNO 2:

ALCÁZAR

La mattina del secondo giorno è stata completamente dedicata all’Alcázar de Sevilla, un luogo semplicemente magico. Un vero e proprio capolavoro di architettura mudejár che racchiude così tanta storia… Un palazzo composto da patios e salones e da un immenso giardino in cui potrete camminare con i pavoni. Come spesso avviene in molte zone della Spagna, incontrerete più stili con predominanza di quello arabo.

Non ho seguito un percorso prestabilito, ho girovagato per le sale e i giardini accompagnando la mia visita a letture dalla lonely planet. Mi sono persa e incantata qua e là, ho fatto una miriade di foto e mi sono soffermata a pensare nel silenzio del giardino (a novembre ci sono pochi turisti).

Oh il Patio de las Doncellas, che meraviglia! Questo giardino esterno era il fulcro del palazzo e come potrebbe non esserlo? Guardate che dettagli!

Se siete amanti di Game of Thrones riconoscerete in quest’ultima foto uno dei set della serie. Precisamente nella quinta stagione vediamo la casa della famiglia Martell… Eccoci qua ai giardini di Dorne!

 PLAZA DE TOROS

Dopo l’intera mattinata trascorsa all’Alcázar, ci siamo dedicati poi alla visita dell’arena di Siviglia.

Le visite sono esclusivamente a gruppi e con una guida. La signora assegnataci come guida traduceva in inglese, spagnolo e francese. Una guida che sembrava, in tutta sincerità, un pochino frettolosa, ma alla fine è stata comunque una visita piacevole.

Prima di arrivare alla Plaza dove si svolge la corrida ci ha condotto attraverso alcune sale dove sono esposte foto, disegni di toreros, locandine, abiti e mantelli.

La visita di Siviglia termina qui,

per pranzo siamo andati in un tapas bar dove abbiamo mangiato fino a scoppiare, Robles Laredo.

 

Arrivederci a Granada!

 

2 pensieri su “Siviglia in due giorni

I commenti sono chiusi.