Un piccolo assaggio di Algarve

Pubblicato il Pubblicato in Portogallo

L’Algarve è una regione che comprende tutti i paesini che fanno parte della zona sud del Portogallo.

Siamo arrivati a Sagres da Sintra giusto in tempo per goderci il tramonto a Cabo de São Vicente, punto più sudoccidentale del continente europeo.

La costa finisce in una sorta di punta allungata dove si erge un faro rosso fuoco a picco sul mare; ho letto, solo al mio ritorno, che all’interno si può visitare un piccolo museo sulla storia che riguarda la vita marittima dei pescatori di Sagres, noi ci siamo fermati solo ed esclusivamente per fotografare il tramonto, ma perchè no? Potrebbe essere interessante. Mi ricordo che durante un viaggio in Sicilia rimasi molto affascinata dalla storia che interessava i pescatori del luogo in cui mi trovavo, ti fornisce una percezione totalmente diversa. Non è solo la città storica o medievale che colpisce una persona, anche i luoghi prettamente balneari hanno tutta una loro storia dietro, e quasi sicuramente queste storie riguardano scene di pesca e commercio marittimo.

Il tramonto ci ha fatto entrare in un loop di colori, dal giallo all’arancione poi al rosa chiaro poi al celeste limpido del cielo e, dietro di noi, una luna gigantesca e illuminatissima.

Rientriamo all’Hotel Sagres Time Apartamentos, un 4 stelle immerso nella tranquillità. Ci è piaciuto molto stare qui e probabilmente in estate sarebbe una scelta ottima dove passare una vacanza.

Il giorno successivo non optiamo per la classica giornata in spiaggia così percorriamo un po’ di costa per visitare qualche spiaggia e mangiare del buon pesce fresco.

Un’oretta di auto tra villette bianche e basse intervallate alla vegetazione brulla che caratterizza questa parte del Portogallo ci portano, come prima fermata, a Praia do Carvalho a Lagoa (8 minuti dalla Grotta di Benagil dove noi vogliamo andare). Arrivare alla spiaggia è stato davvero interessante, alla fine di una scalinata di mattoncini rossi  se guardate alla vostra sinistra vedrete una piccola insenatura ricavata nella scogliera con alcuni scalini di pietra, avventuratevi nell’insenatura fatta a forma di porta! Bellissimo! State camminando nel cuore della scogliera.

Alla fine del breve tunnel vi si aprirà di fronte la spiaggia. È una conca riparata dal vento e fa davvero molto caldo rispetto alla scalinata ventosa appena fatta. Il mare è celeste e leggermente mosso, le onde entrano dritte sulla spiaggia.

Ci rilassiamo un’oretta al sole, ma la fame si fa sentire dunque ci rimettiamo in marcia.

Ci fermiamo in un ristorante vicino alla grotta, “O Litoral” (Estr. de Benagil, 8400-427 Lagoa, Portogallo)… da quanto fa caldo decidiamo di mangiare in veranda esposti al sole. Il titolare è un pochino burbero, ma il cibo è davvero ottimo, il pesce è freschissimo!

Non ci resta che terminare la nostra gita con la visita alla ormai tanto agognata Grotta di Benagil. Non ce la facciamo… il mare è troppo mosso, però è possibile vederla dall’alto, anche se devo ammettere che non è la stessa cosa. Davanti al ristorante in cui abbiamo mangiato c’è un sentiero di terra rossa con piante e cespugli bassi che vi condurrà dritti dritti al bucone 🙂 Un’apertura rotonda che permette di vedere la grotta dall’alto. Ovviamente è tutto recintato quindi la visuale non è delle migliori… Ci dobbiamo accontentare.

L’Algarve è sicuramente uno dei luoghi che voglio visitare nuovamente, magari in stagioni più calde. Mi piacerebbe fare un on the road lungo tutta la costa e fermarmi in ogni più piccolo paesino.

La prossima tappa sarà in Spagna, a Siviglia.